Archivi tag: napoli

Passione Insanapoli 21. Lacrime di coccodrillo e lacrime di Quagliarella.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

E’ tempo di riabilitazioni.

Dopo aver rivalutato Cavani e addirittura implorato per averlo di nuovo a Napoli, sono bastate le lacrime di Quagliarella per scatenare le nostre, di coccodrillo, per il trattamento riservato al Fabio oggetto di stalking.

Ancora un po’ e il 2 aprile accoglieremo Higuain con un lancio di petali di rose.

Dopodiché busseranno alla porta Altafini, Mazzarri e Yanina Screpante (fidanzata di Lavezzi) che con i partenopei hanno ancora un conto aperto.

Perché noi napoletani non siamo equilibrati in niente, figuriamoci nella gestione delle emozioni.

Basta che ci lancino anche solo una mezza carota per farci dimenticare tutte le bastonate prese. E, anche quando perdoniamo, non lo facciamo nel chiuso della nostra anima e della nostra casa, ma privilegiamo il gesto plateale.

Siccome scontiamo un senso di colpa atavico, l’espiazione deve essere pubblica che più pubblica non si può.

Non mi stupirei, quindi, se, dopo aver saputo che Bonucci per scusarsi con Allegri ha offerto una cena a tutta la squadra, decidessimo di farci perdonare da Quagliarella pagandogli una settimana in un villaggio vacanze.

Nel caso in cui l’irreparabile accada e venga aperta la colletta, suggerirei di investire i soldi raccolti in una seduta collettiva dal Crepet di turno. Così, tanto per imparare ad amare (e odiare) in modo normale.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 8. Lettera a Babbo Natale (o ad Abramovich, tanto è uguale)

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

La buona notizia di oggi è che giochiamo solo lunedì. Abbiamo, quindi, tutto il tempo di metabolizzare la soporifera prestazione con la Dinamo Kiev e andare al cinema domani sera.

Detto questo, oggi vorrei dedicarmi a due appelli. Il primo è che qualcuno, a Torino, lanci un salvagente ad Higuain nel caso non sappia nuotare. Ipotesi neanche troppo remota considerando la dimestichezza con i tuffi esibita appena arrivato a Napoli (quando, per la cronaca, si schiantò su uno scoglio di Capri alla presenza di un basito Paolo Cannavaro).

Il secondo è rivolto direttamente a uno a scelta tra un emiro, un oligarca russo e un paperone cinese perché facciano a De Laurentiis un’offerta che non possa rifiutare.

Al diavolo il protezionismo e il campanilismo, il nazionalismo e lo sciovinismo, io bramo un presidente che compri Cavani così che anche i piccoli Bautista e Lucas si sentano meno soli, Lewandoski per facilitare il rientro di Milik almeno sotto il profilo linguistico, Zaza per vendicarci del gol realizzato a tradimento l’anno scorso facendolo ammuffire in panchina, Suarez per dare il morso fatale a Higuain, Lahm per convincere Hysaj che non è ancora pronto per il Real Madrid, Neuer così Reina può dedicarsi a tempo pieno alla campagna di Intimissimi con somma gioia delle tifose napoletane (e non solo) e Guardiola come secondo di Sarri.

Aspetto suggerimenti per la difesa prima di inviare la lettera a Babbo Natale.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 2. Venerdì aspettando Udinese – Napoli.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Venerdì.

Intanto ho superato la notte nonostante le dichiarazioni del procuratore di Hysaj e questa già mi sembra una buona notizia.

Che poi, uno dice Raiola, ma la verità è che i procuratori di alcuni giocatori del Napoli sono quanto di peggio.

I loro assistiti approdano come dei miracolati all’ombra del Vesuvio, dopo un’adolescenza trascorsa su oscuri campetti ghanesi o ucraini, trovano un allenatore che, grazie al proprio gioco, riuscirebbe a far sembrare Iniesta pure me e, dopo un’unica (!!!) stagione ad alti livelli, cominciano a urlare ai quattro venti di essere pronti per il Real Madrid.

In genere festeggiano i diciotto anni alla dodicesima di campionato. Roba che manco il Silvio dei tempi d’oro aveva tante minorenni al bunga-bunga.

Hanno più tatuaggi che peli ma “si sentono pronti per il Real Madrid”.

Meno male che c’è Hamsik che continua a giurare imperituro amore e Reina che si fa fotografare in mutande nel prepartita, sennò il morale sprofonderebbe sotto i tacchetti e manco il consueto tiro alle stelle di Allan riuscirebbe a risollevarlo.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 1. Giovedì aspettando Udinese – Napoli

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Siamo a giovedì.

Di già? Si chiederà lo stakanovista.

Soltanto? Si domanderanno i più. Anche un po’ fantozzianamente, diciamolo.

A me viene di esclamare “Oddio, è giovedì”.

Oddio, perché dopodomani è sabato.

Oddio, perché questa settimana il Napoli gioca di sabato.

Oddio perché, dopo la rigenerante sosta della nazionale, sabato ricomincio a soffrire. Anche a galvanizzarmi, sia chiaro, nell’attesa. Ma soprattutto a soffrire. In un’altalena di emozioni che proprio bene non mi fa.

L’adrenalina comincia a salire dopo pranzo, al terzo caffè della giornata, per poi precipitare drasticamente verso le cinque al trapelare delle prime indiscrezioni sulla formazione e il profilarsi dell’ennesima debacle di Gabbiadini.

Se poi penso che per sei anni abbiamo avuto il capocannoniere del campionato comincio a sudare già da adesso.

Si, vabbè, non abbiamo praticamente vinto niente nonostante i 36 gol dell’infame ma vuoi mettere la soddisfazione di portare a casa goleade ad ogni partita?

Se poi penso al ratto (consenziente) dell’infame e alle visite mediche di notte a Madrid, alla soddisfazione dell’orbo e alle (mie) lacrime di quest’estate, un brivido mi corre lungo la schiena.

Se poi penso al colpo di fulmine per Milik, grazie alle tre doppiette e alla somiglianza con Matthew McConaughey, e alla doccia gelata dell’infortunio immediatamente dopo, mi dovrei solo attaccare alla bottiglia.

Se poi penso agli errori di Goulham e di Reina e alle intemperanze, in campo e dal barbiere, di Insigne, altro che alcool, dovrei andare direttamente di Prozac.

Aiuto, è giovedì. Qualcuno mi dia uno Xanax che sennò a sabato non ci arrivo.

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn