Passione Insanapoli 26. La solitudine del povero Gonzalo.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Aspettando Napoli – Juventus, il dramma del povero Gonzalo.

In genere la settimana che precede Napoli – Juventus ha tutto un altro mood. Ma stavolta sono stata bravissima nel fare astrazione mentale nonostante ci fosse abbondanza di materiale per il gossip più spinto.

Prima di tutto il ritorno di Higuain, che ha assunto contorni molto meno cruenti di quelli immaginati a luglio. Poi lo schiaffo morale inflitto ad Allegri dalla Panchina d’Oro a Sarri. Ancora, l’inchiesta sui presunti legami tra Andrea Agnelli e gli ultrà legati alla ‘ndrangheta.

Insomma, avrei potuto sparare liberamente sulla Croce Rossa e trarne pure una certa soddisfazione.

Invece niente. Ho semplicemente rimosso il pensiero delle ben due partite che ci attendono e dormito bene comunque.

Fino a stamattina. Quando la radio mi ha scaraventato violentemente sulla terra citando, tra le notizie del giorno, il match di domenica sera. Addirittura, l’annuncio del ritorno di Higuain a Napoli da avversario si è meritato un posto d’onore tra le dichiarazioni di Carminati al processo su Mafia Capitale e le ritorsioni di Trump contro l’Europa per l’onta subita dai bistecconi made in USA.

Intanto mi è andato di traverso il caffè. E questo, ne sono sicura, già pregiudica il mio umore di oggi nonostante sia venerdì.

Poi mi ha indotto a riflettere sulla circostanza che sia stata io a sottovalutare colpevolmente la portata dell’evento. Dopotutto, potrei aver peccato di superficialità e pressapochismo nell’essermi concentrata sulla barbarie di Alatri, sulle dichiarazioni di Poletti e sull’annunciata riapertura delle miniere di carbone da parte di Trump, quando la vera, unica, sola notizia degna di questo nome era il ritorno di Higuain a Napoli da avversario.

E non solo, aggiungerei. Perché il giornale radio della RAI ha anche precisato che Dybala non è in condizione e Mandzukic è ko. Quindi il povero cucciolo potrebbe dover affrontare il Napoli da solo.

Ma ci rendiamo conto? Abbiamo sguazzato per giorni nel fango di efferati delitti, dichiarazioni vergognose, provvedimenti che gridano vendetta mentre a Torino si consumava questa tragedia. Il povero Gonzalo Gerardo lasciato solo ad affrontare la folla inferocita di un’arena che brama solo il suo sangue.

Io a questo punto chiedo pubblicamente a Mentana di dedicare una delle sue maratone al tema. E invito tutti a passarsi una mano sulla coscienza e aderire al flash mob “Adotta un Gonzalo anche tu” per farlo sentire di nuovo a casa. Chiedo, inoltre, a Insigne e Mertens di fargli qualche assist dei loro in memoria dei “bei tempi che furono” e ad Albiol di accantonare i vecchi rancori e, serenamente, “scansarsi”. Gli esempi in Serie A non mancano, caso mai volesse prendere ispirazione.

Lo stesso appello “Regala un rigore alla Juventus” che ha ironicamente occupato il web nelle ultime settimane assume tutto un altro sapore e diventa, a questo punto, un atto dovuto. Ma in questo caso direi che conta poco il numero di firmatari perché, per fortuna, la classe arbitrale è assolutamente integra e intransigente e difficilmente si fa condizionare dalla volontà popolare.

Quindi, bando alle ciance, dimentichiamo la visita del Papa e le celebrazioni dei Trattati di Roma, perché questo week end succede qualcosa di molto più rilevante. Qualcosa che può rendere tutti noi protagonisti della Storia. Qualcosa che finalmente potrebbe rendere l’Italia un Paese unito, coeso nel raggiungimento dell’obiettivo comune: stringiamoci forte intorno a Gonzalo.

Ma molto, forte, eh.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 25. La profezia di Celestino.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Parafrasando Claudio Amendola (precipitato nella mia stima da quando si è messo a fare pubblicità al gioco d’azzardo), io non sono membro della più grande comunità di scommettitori on line del mondo, ma faccio parte, in compenso, della più piccola comunità di pessimisti che la storia ricordi.

Un mio caro amico ogni anno, in una notte di fine estate, là dove il mare luccica e tira forte il vento davanti a uno spaghetto con le vongole e al Golfo di Sorrento (in un’atmosfera, quindi, che già di per sé dovrebbe evocare solo pensieri positivi) effettua quella che io chiamo “La profezia di Celestino”.

Preciso di non aver mai letto il libro, ma il titolo mi sembra perfetto per descrivere l’ineluttabilità di un dramma che, puntualmente, si consuma.

I primi spaghetti filano infatti lisci, tra amenità varie e considerazioni semiserie sulla stagione calcistica che ci attende.

In genere, trattandosi di fine agosto, il lutto per la cessione del capocannoniere in carica e del miglior giovane di prospettiva della squadra è stato più o meno elaborato e ci ritroviamo a fare i conti al massimo con gli strascichi di amarezza e delusione che una politica incentrata sulle clausole rescissorie inevitabilmente lascia dietro di sé.

A volte siamo addirittura galvanizzati dai rimpiazzi, come è avvenuto l’anno in cui Quagliarella è stato sostituito da Cavani e, ancora di più, quando Cavani è stato sostituito da Higuain.

Insomma, sono gli ultimi scampoli d’estate, siamo distesi e abbronzati, pieni di progetti per l’anno che sta per cominciare – perché, non importa da quanto tempo tu abbia terminato gli studi, l’anno è sempre, rigorosamente, accademico e inizia da settembre – io sto per intingere un ragguardevole pezzo di pane cafone nel sauté  e osservo nostalgica le lampare all’orizzonte, quando lui con studiato sadismo pronuncia la fatidica frase “quest’anno con il Napoli ci divertiremo molto, ma non vinceremo niente“.

Come rovinare non una cena e neanche una serata, ma un’intera estate in un attimo.

Non pago, lo scellerato Nostradamus si lancia in un’articolata analisi dei motivi per i quali quello alle porte “non è mai l’anno buono”.

Devo confessare che, dopo i primi, deboli tentativi di obiettare alle sue argomentazioni, dopo un po’ la mia mente comincia a vagare e, ricordando che ogni anno ha sempre nefastamente fatto centro, inizia a ripetere come un mantra “l’ha detto anche quest’anno, l’ha detto anche quest’anno, l’ha detto anche quest’anno…” .

Manco a dire che una soluzione potrebbe essere quella che di abolire la cena agostana, perché la profezia si fa largo a spallate tra messaggi, telefonate, post e addirittura sogni premonitori a volte.

Per dare un’idea della potenza delle sue previsioni, dico solo che quest’anno aveva anticipato l’esonero di Ranieri quando ancora era considerato il Re d’Inghilterra. Ho fondato motivo di ritenere che ci abbia anche speculato su, il piccolo sciacallo.

Purtroppo non è l’unico, tra le persone a me vicine, caratterizzato da un simile contagioso ottimismo.

Mia madre, infatti, alla vigilia di ogni partita, annuncia che “Sarri è molto pessimista” (lui!!!) e che la squadra da affrontare è sempre “la più insidiosa del campionato” oppure “la peggiore che potessimo incontrare” nel particolare momento in cui la incontriamo o, ancora, che “non abbiamo mai vinto sul campo dell’Empoli” e che “l’Atalanta ha solo tre punti meno di noi“.

Per non parlare del “rischio che i giocatori sottovalutino gli avversari” o “prendano sottogamba la partita” sempre dietro l’angolo.

E “la depressione per essere usciti dalla Champion’s League” dove la mettiamo? E “il jet lag (il più lungo della storia) di Koulibaly dopo la Coppa D’Africa”?

Non parliamo poi dell'”età media troppo acerba” e dell'”assenza di un grande vecchio capace di fare spogliatoio” oltre che della “testa già alle nazionali”.

Tutti motivi non semplicemente suscettibili di inficiare il risultato, bensì cause certe di  una ignominiosa sconfitta.

Per fortuna che le sue profezie in genere non si avverano ma, addirittura, a volte portano bene, tanto da meritare di essere ascritte al campo della scaramanzia.

Oggi, per esempio, aveva previsto una disastrosa debacle – perché, appunto, Sarri era molto pessimista e non avevamo mai vinto sul campo dell’Empoli – e invece ci stiamo gustando tre zeppole di San Giuseppe con particolare soddisfazione (anche perché stavano per scipparcele presentandoci un Maccarone).

E non ho ancora sentito Celestino, oggi.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 24. Dopo Juventus – Porto

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

L’appello ha funzionato, non c’è che dire.

Avesse avuto lo stesso seguito la raccolta fondi per Amatrice oggi il Centro Italia starebbe a posto, ma si vede che i terremotati non hanno lo stesso appeal.

Ora corriamo tutti a scommettere che ai quarti incontrano il Leicester.

Svoltiamo, ve l’assicuro. Del resto, Buffon docet.

P.S. quello che non ha funzionato è il mio personalissimo e accorato appello alla Dea Bendata rivoltole solo pochi giorni fa:

Passione Insanapoli 19. Prima di Juventus- Napoli

E anche qui: almeno beneficiassero dell’occhio di riguardo per gli outfit a strisce bianche e nere anche i carcerati.

Invece, niente. Come al solito gli ultimi sono discriminati.

Propongo l’impeachment immediato per la Dea Bendata.

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 23. Dopo Napoli – Crotone

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

…ma soprattutto dopo Napoli – Real, nonché dopo Rubentus – Napoli (praticamente prendi tre paghi uno) è evidente che di alcuni incubi e fantasmi non ci libereremo mai:

 

  1. l’incubo Sergio Ramos mi perseguiterà in eterno: ieri l’ho visto addirittura reincarnarsi in Falcinelli, oggi in un mio collega che ha tentato il colpo di testa con il foglio accartocciato verso il cestino (mancandolo, lui).
  2. Con i 50 milioni spesi per Pavoletti e Maksimovic rifacevamo lo stadio e ci avanzava pure un po’ di cresta (questa si chiama la persecuzione del bidone che da Prunier e Calderon in poi ci tormenterà per sempre).
  3. Sarri ha un cane  problematico. Si chiamasse Manolo? Speriamo che almeno con lui la terapia funzioni.
  4. Sembra che Mertens sia in crisi con la moglie e lei sia tornata in Belgio. Basta che non si scambino poi le residenze come hanno fatto Cavani e Soledad (dando il via all’inizio della fine).
  5. E’ sconcertante il dietrofront di Sconcerti: dopo aver difeso a spada tratta l’indifendibile pare che oggi abbia dichiarato che “si, in effetti  il Napoli aveva ragione” a sentirsi defraudato per l’ennesima volta dopo il match con la Rubentus.
  6. De Laurentiis straparla come al solito: invece di commentare lo scandaloso arbitraggio della Coppa Italia se la prende con i giornali del Nord accusandoli di odiare il Napoli e Napoli. Il sindaco De Magistris prima nega gli spazi a Salvini per il comizio e poi fomenta facinorosi e black block ad accoglierlo armati non di panzarotti ma di lacrimogeni. Sarebbe auspicabile che i prossimi alla guida della città e della squadra non abbiano il “De” nel cognome, per la palese ostilità manifestata verso la sottile arte della diplomazia.

Insomma corsi e ricorsi storici, o meglio, incubi che si ripropongono con tragica ciclicità.

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 21. Lacrime di coccodrillo e lacrime di Quagliarella.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

E’ tempo di riabilitazioni.

Dopo aver rivalutato Cavani e addirittura implorato per averlo di nuovo a Napoli, sono bastate le lacrime di Quagliarella per scatenare le nostre, di coccodrillo, per il trattamento riservato al Fabio oggetto di stalking.

Ancora un po’ e il 2 aprile accoglieremo Higuain con un lancio di petali di rose.

Dopodiché busseranno alla porta Altafini, Mazzarri e Yanina Screpante (fidanzata di Lavezzi) che con i partenopei hanno ancora un conto aperto.

Perché noi napoletani non siamo equilibrati in niente, figuriamoci nella gestione delle emozioni.

Basta che ci lancino anche solo una mezza carota per farci dimenticare tutte le bastonate prese. E, anche quando perdoniamo, non lo facciamo nel chiuso della nostra anima e della nostra casa, ma privilegiamo il gesto plateale.

Siccome scontiamo un senso di colpa atavico, l’espiazione deve essere pubblica che più pubblica non si può.

Non mi stupirei, quindi, se, dopo aver saputo che Bonucci per scusarsi con Allegri ha offerto una cena a tutta la squadra, decidessimo di farci perdonare da Quagliarella pagandogli una settimana in un villaggio vacanze.

Nel caso in cui l’irreparabile accada e venga aperta la colletta, suggerirei di investire i soldi raccolti in una seduta collettiva dal Crepet di turno. Così, tanto per imparare ad amare (e odiare) in modo normale.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 20. La solita rapina senza passamontagna.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Che dire?

Che in questo caso non possiamo neanche comprarci un arsenale come Francesco Facchinetti.

Che chi dovrebbe garantire il rispetto delle regole è il primo nemico.

Che le collusioni e le connivenze sono tali e tante da rendere inutile qualunque strategia difensiva.

Che la RAI ha scandalosamente abdicato al suo ruolo di servizio pubblico.

Che i media in generale mostrano un asservimento e una sudditanza che manco in Corea del Nord.

Che loro non hanno né l’onestà intellettuale di riconoscere l’ennesimo ladrocinio, né la dignità di pretendere di vincere in  modo pulito.

Che il problema, evidentemente, non è Valeri, come non lo era Mazzoleni, ma tutta la classe arbitrale, indistintamente.

Che davvero al ritorno dovrebbe scendere in campo la Primavera, anche se dubito che coglierebbero il messaggio.

Che ringrazio le tifoserie avversarie per la solidarietà manifestata; quella dell’Inter, in particolare, memore dello scippo subito nel 1998.

Che la tentazione di non vedere più le partite è davvero forte e chissà che prima o poi non finisca per cederle.

Che Marotta e Agnelli che si abbracciano sugli spalti prima ancora che il rigore sia calciato sono davvero uno spettacolo patetico.

Che sarebbe opportuna una class action di tutte le squadre contro chi ha trasformato il campionato in una farsa.

Che questo non è calcio, non è sport, non è gioco, non è divertimento, ma purtroppo è lo squallido specchio di questo Paese.

Che…non ci sono più parole, davvero.

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 19. Prima di Juventus- Napoli

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Aspettando, per l’ennesima volta, Juventus – Napoli, non ci resta che rivolgere un accorato appello alla Dea Bendata.

Non bastavano due partite all’anno. No, siamo condannati a incontrarli (e a intossicarci) ripetutamente.

Che poi, nonostante si dica che a Napoli diventino tutti dei BIG MATCH con annesse scene di isteria collettiva mentre a Torino ostenterebbero un’aria di asburgica superiorità, posso garantire che sono loro a parlarne in continuazione. Con modalità, per giunta, talmente contrarie a qualunque forma di scaramanzia da risultare imbarazzanti.

Io, purtroppo, sono circondata dal nemico, che mi impedisce con ogni mezzo di far finta che oggi sia un giorno qualunque.

La giornata è iniziata con il malriuscito tentativo di imbacuccarmi fino all’inverosimile per dribblare il vicino di casa che già all’indomani della partita con il Real Madrid mi fermò per manifestarmi il suo cordoglio perché “avrebbe tanto voluto una finale Juventus – Napoli”. Praticamente noi siamo spacciati in partenza e loro già a Cardiff. Uno appena appena superstizioso si gratterebbe a sangue a questo punto. Ma loro no. Sono più forti degli avversari, più potenti della terna arbitrale, più efficaci della jella.

Quando già pensavo di averla scampata, ricevo la visita in ufficio di un collega che, con un sorriso da un orecchio all’altro, fra l’altro del tutto inopportuno trattandosi di un raro caso di persona cui l’espressione seria dona più di quella sorridente, mi annuncia che “oggi è una giornata speciale…ma tanto non c’è gara, no?”.

Ecco. Non dico noi tifosi napoletani, che siamo abituati a non essere considerati degni avversari da loro, ma almeno la Dea Bendata non si sente punta nel vivo dal questo totale disprezzo? Un rigurgito di orgoglio femminile, che diamine! Questi ledono costantemente la sua dignità, la gratificano della più totale indifferenza, si fanno continuamente beffe di lei e…niente! Mai una reazione, una punizione esemplare, divina, che castighi una volta per tutte questa insopportabile prosopopea.

Che poi, cara Dea Bendata, potresti dare pure libero sfogo alla fantasia, attingendo al paniere dei pali, delle traverse, dei rigori contro, delle espulsioni, dell’attacco improvviso di diarrea, della pallonata in faccia all’allenatore.

Però, caso mai dovessi ascoltare questo appello, mi raccomando di non sbagliarti ancora una volta: sono quelli vestiti a strisce bianche e nere.

Ti lascio una foto, tanto per andare sul sicuro:

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

Passione Insanapoli 17. Dopo Napoli – Atalanta

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn

 

Quattordici risultati utili consecutivi ed eravamo il Barcellona formato mignon.

Una sconfitta con l’Atalanta e tutti i a celebrare il requiem del Napoli.

“Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro,

poté Caldara colpire anche col doppio tiro.

Così percosso, attonito

il tifoso al nunzio sta,

muto pensando all’ultimo gol del Mertens fatale,

né sa quando un altro tiro del piè mortale

la porta avversaria a profanar verrà.

Lui che del Pibe de Oro

vide il gran genio e tacque,

quando, negli anni d’oro,

cadde, risorse e giacque,

di mille voci contro

mista la sua non ha.

Dalle Alpi ai Pirenei,

da Bergamo a Crotone,

non basta una vittoria

a far di te un campione.

Ma bastan due sconfitte,

neanche così nette,

perché si levi un coro

pronto a ridurti a fette”.

Guardate che oggi non è il 5 maggio (data che, peraltro, ci ha anche portato bene in passato). Abbiamo solo perso una partita in campionato dopo che per una settimana i giocatori sono stati perseguitati dal mantra infernale del “ciclo di ferro” e flagellati dalle critiche ingenerose di De Laurentiis.

Sette giorni fa Sarri era il Dio del Calcio e oggi viene considerato degno di allenare la squadra dell’oratorio sotto casa.

Sette giorni fa il Napoli era era “l’orgoglio del calcio italiano” ed “esprimeva il miglior gioco” e oggi è composto da undici scartine che non sarebbero titolari manco nella Sangiovannese.

Ma fatemi il piacere, direbbe Totò.

Il Napoli non è ancora morto. Semplicemente dormiva.

Speriamo solo che si svegli entro dopodomani.

 

 

 

 

 

Condividi
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn