Passione Insanapoli 32. Si prospetta un’estate tranquilla?

Condividi quest'articolo su Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on TumblrShare on LinkedInShare on RedditPrint this page

Ma se davvero dopo Insigne anche Mertens ha firmato il rinnovo, stai a vedere che passiamo un’estate tranquilla?

Anzi, mi sbilancio: che possiamo addirittura seguire il calciomercato estivo esibendo il pacato distacco di un giocatore, che so, della Juventus?

No, vabbè, in effetti il paragone con la Juventus è improprio, perché non ce lo vedo Giuntoli brigare per far fare le visite mediche in notturna in una clinica madrilena al mister 94 milioni di turno. E pure se lo facesse, non lo verrei mai a sapere perché non ho la più pallida idea di che faccia abbia Giuntoli, non avendo mai avuto il bene di vederlo in video. Più che assunto, è stato sequestrato da De Laurentiis. Sospetto che perfino Natasha Kampush avesse più libertà di movimento.

Però potremmo essere tranquilli come un giocatore della Roma. Neanche, perché il nostro Totti (Marekiaro) ci ha giurato amore eterno già da qualche anno e il nostro belga napoletano (Ciro) rispetto al loro (Nainggolan)sembra il Re Filippo.

Allora come un giocatore del Milan. Eh no, perché non c’è nessun closing cinese all’orizzonte, ma il nostro Presidente si tiene ben stretta la gallina dalle uova d’oro ora che i cinepanettoni non se la passano troppo bene.

Almeno come un giocatore dell’Inter. Ehm.

Lo sapevo. Sono talmente disabituata all’idea di non dover trascorrere un’estate con il patema d’animo di vederci portare via i gioielli di famiglia che devo per forza trovare un termine di paragone in grado di rendere credibile quello che, in realtà, è inverosimile.

Certo, per fissare la consueta cena agostana con Celestino (si veda http://openspace.name/2017/03/19/passione-insanapoli-25-la-profezia-celestino/ ) con annessa nefasta profezia dovrò aspettare che l’assalto di Conte a Koulibaly venga respinto in modalità Kill Bill e che il Comandante Sarri rettifichi quanto asserito sulla volontà di arricchirsi, ma una volta tanto tutto farebbe propendere per un blando, misurato ottimismo.

Ed  è proprio questo che stona. Le parole Napoli e ottimismo sono un ossimoro. Allora meglio parlare di sana incoscienza? La stessa che ci ha portato a schiantarci innumerevoli volte nell’erronea convinzione che “una cosa così no, non è possibile, non accadrà mai”. E invece puntualmente accadeva.

Ok, allora bando sia all’ottimismo che all’incoscienza.

Siamo, come sempre, fatalisti e affidiamoci al destino o alla Dea Bendata.

Magari però, nel farlo, mettiamoci una maglia a strisce bianche e nere. Nel dubbio, non si sa mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *