Passione Insanapoli 30. Dopo Inter – Napoli, due chiacchiere in ufficio.

Tornata rigenerata dal week end feng shui (si veda http://openspace.name/2017/05/01/passione-insanapoli-29-metti-sera-quella-inter-napoli-alto-adige/ ), ho pensato bene di pungolare il mio capo interista (lo stesso degli anatemi mascherati per i quali si veda http://openspace.name/2016/11/22/passione-insanapoli-5-piccola-digressione-napoli-inter/) spingendolo a commentare la partita.

Non l’avessi mai fatto. Poichè nel girone d’andata sembrava totalmente rassegnato alla disfatta, tanto che io avevo fatto le corna durante l’intera conversazione perché le lodi sperticate sul Napoli e la sua presunta superiorità mi sembravano quasi eccessive e, perciò, un po’ fasulle,  stavolta sono entrata nel suo ufficio pronta a godermi il panegirico libera dal condizionamento di dover fare qualunque scongiuro e assaporando ogni singola parola di elogio per Mertens, Callejon, Insigne & co.

E invece lui mi ha letteralmente spiazzato asserendo, in sostanza, che non si spiegava l’involuzione dell’Inter se non con una gestione dissennata dei giocatori da parte della società perché, “sulla carta, è la seconda forza del campionato”.

Ora. A parte che sulla carta siamo tutti la prima forza in qualche non meglio identificato campo d’azione, non posso che attribuire il totale ribaltamento di un’opinione espressa soltanto pochi mesi fa, relativa alla“netta inferiorità del loro organico rispetto al nostro“ con la volontà, sadica, di non volermi dare alcuna soddisfazione. Peggio, di voler stroncare quel sorrisetto di compiaciuta superiorità che – ammetto possa risultare irritante – ma, che diamine, ogni tanto potrò sfoggiare pure io!

Non pago di aver vanificato gli effetti del mio meritatissimo fine settimana zen, il boss si è lanciato in una disamina del tutto bizzarra della partita, farneticando di una “decisa superiorità delle individualità dell’Inter” penalizzate peraltro nel confronto “dall’età media più alta dei giocatori del Napoli” che, quindi, risulterebbero più scattanti ed energici.

A prescindere dal fatto che Ciro, Marekiaro e Callegol, tanto per citare i tre che hanno fatto impazzire la difesa nerazzurra, hanno trent’anni ciascuno, quindi almeno sei in più della loro punta di diamante Icardi, anche ridimensionare la tecnica sopraffina e la personalità dei vari Zielinski, Diawara e Rog attribuendone le gesta alla “beata gioventù” mi sembra quantomeno azzardato.

In sintesi la sua lettura del match è stata: bradipi lenti ma tecnicamente superiori battuti da gruppo di schegge impazzite (o mine vaganti) in grado di cavalcare la ruota come criceti per novanta minuti.

Manco Piccinini avrebbe saputo fare di meglio.

Praticamente una partita portata a casa grazie non al talento nostro ma allo sfiancamento fisico degli avversari.

All’inizio mi sono chiesta come sia possibile che anche quando facciamo la partita perfetta ci sia qualcuno che non debba riconoscerci l’onore delle armi, ma ascrivere il tutto al caso, ai demeriti propri, alla proprietà cinese, addirittura all’assenza del famigerato Miranda.

Poi ho deciso che non voglio prendermela (e non voglio prendere neanche lo Xanax), per cui d’ora in poi il mio motto sarà “il cielo stellato sopra di me, il giardino feng shui dentro di me”.

Sono sicura che, in assenza di legge morale nel calcio, Kant non se ne avrà a male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *