Passione Insanapoli 17. Dopo Napoli – Atalanta

 

Quattordici risultati utili consecutivi ed eravamo il Barcellona formato mignon.

Una sconfitta con l’Atalanta e tutti i a celebrare il requiem del Napoli.

“Ei fu. Siccome immobile, dato il mortal sospiro,

poté Caldara colpire anche col doppio tiro.

Così percosso, attonito

il tifoso al nunzio sta,

muto pensando all’ultimo gol del Mertens fatale,

né sa quando un altro tiro del piè mortale

la porta avversaria a profanar verrà.

Lui che del Pibe de Oro

vide il gran genio e tacque,

quando, negli anni d’oro,

cadde, risorse e giacque,

di mille voci contro

mista la sua non ha.

Dalle Alpi ai Pirenei,

da Bergamo a Crotone,

non basta una vittoria

a far di te un campione.

Ma bastan due sconfitte,

neanche così nette,

perché si levi un coro

pronto a ridurti a fette”.

Guardate che oggi non è il 5 maggio (data che, peraltro, ci ha anche portato bene in passato). Abbiamo solo perso una partita in campionato dopo che per una settimana i giocatori sono stati perseguitati dal mantra infernale del “ciclo di ferro” e flagellati dalle critiche ingenerose di De Laurentiis.

Sette giorni fa Sarri era il Dio del Calcio e oggi viene considerato degno di allenare la squadra dell’oratorio sotto casa.

Sette giorni fa il Napoli era era “l’orgoglio del calcio italiano” ed “esprimeva il miglior gioco” e oggi è composto da undici scartine che non sarebbero titolari manco nella Sangiovannese.

Ma fatemi il piacere, direbbe Totò.

Il Napoli non è ancora morto. Semplicemente dormiva.

Speriamo solo che si svegli entro dopodomani.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *